Views
1 year ago

Aprile 2018

  • Text
  • Rover
  • Anni
  • Veicoli
  • Viene
  • Essere
  • Veicolo
  • Venne
  • Mondo
  • Auto
  • Dopo
La nascita della prima Land Rover | Come Land Rover ha affrontato spedizioni scientifiche ed intrepide avventure | L’editor di GQ, Dylan Jones, parla di ispirazione con il nostro Chief Design Officer Gerry McGovern | Quale sarà l’impatto dei veicoli elettrici e connessi | Affrontare i 999 gradini della Porta del Paradiso in Cina

L’ E R A D E L L A D I

L’ E R A D E L L A D I S C O V E R Y 1986 | I primi modelli in argilla creati per “Project Jay” | Conran Design partecipa alla lavorazione degli interni 1989 | 12 settembre: lancio della Discovery a tre porte a Francoforte | La versione 200TDi per la polizia riesce a trainare un treno da 178 tonnellate Verso la metà degli anni Ottanta, la Range Rover si stava spostando verso una fascia di mercato più alta grazie alla sua carrozzeria a quattro porte, la trasmissione automatica, e le sue versioni lussuose come la Vogue. Si cominciò così ad aprire uno spazio per un modello Land Rover versatile che facesse da tramite fra l’utilitario Defender e la Range Rover di fascia alta. Il nuovo veicolo avrebbe dovuto offrire tutte le abilità fuoristrada di entrambe le “sorelle”, superandole per versatilità, grazie ad ottime capacità su strada e interni flessibili a sette posti. Avrebbe aiutato la crescita di Land Rover, e soprattutto avrebbe spostato ulteriormente l’equilibrio della sua offerta, muovendosi dai veicoli necessari ai clienti a quelli da loro desiderati. I lavori su “Project Jay”, come venne chiamata in codice, iniziarono nel 1986, quando vennero scolpiti i primi modelli in argilla. Per ridurre costi e tempi di sviluppo, ma ottenere allo stesso tempo un risultato di alta qualità, la nuova auto condivideva parte del telaio e l’interasse da 100 pollici con la Range Rover. Ma Project Jay sarebbe stata diversa. Un design particolarmente intelligente avrebbe aiutato a distinguerla dalla Range Rover, di simili dimensioni, e il “ La Discovery di Land Rover venne progettata in tempi record per il settore. Il suo enorme successo fu immediato e l’auto ricevette lodi da giornalisti esperti da ogni parte del pianeta. Land Rover conquistò così la maggiore fetta di mercato in una nicchia dove, in passato, non era stata rappresentata” JAMES TAYLOR, AUTORE DEL LIBRO “LAND ROVER DISCOVERY” progetto estetico che giunse agli studi di design di Land Rover era talmente vincente che alcuni suoi elementi (come l’estremità posteriore asimmetrica, immediatamente riconoscibile), sono rimasti presenti fino alla versione di quinta e ultima generazione. A FORTE RICHIESTA La Discovery, come venne ufficialmente chiamata Project Jay, venne finalmente presentata al mondo al Motor Show di Francoforte il 12 settembre 1989. Che si trattasse di un’autentica Land Rover venne provato subito, al suo lancio per i media in Scozia, quando una versione diesel a quattro cilindri 200TDi realizzata per la polizia trainò un treno da 178 tonnellate. L’anno seguente la Discovery fece il suo debutto al Camel Trophy in Siberia, e divenne il veicolo maggiormente associato alla famosa vernice “Sandglow”, soprannominata “giallo Camel Trophy”. Ancora una volta, Land Rover aveva sottovalutato la richiesta per un nuovo veicolo, e nel 1993 annunciò l'aggiunta di un terzo turno di lavoro a Solihull per poter soddisfare la domanda della Discovery. L’anno seguente, fece il suo debutto negli Stati Uniti con un motore a benzina V8. Entro il 1998, ben 348.621 Discovery circolavano intorno al mondo. DISCO-TECH Land Rover tornò al Motor Show di Francoforte nove anni dopo il lancio della Discovery originale per svelare il modello di seconda generazione. Sebbene visivamente simile alla prima, la Discovery Series II condivideva solo un pannello esterno con la Series I, e introduceva una serie di nuovi sostegni elettronici di guida fra cui il più celebre, il sistema Active Cornering Enhancement (ACE), che conferiva a questo alto veicolo fuoristrada l’agilità di un’automobile. Anche le sue capacità fuoristrada vennero ottimizzate, con tecnologie quali Hill Descent Control; di ciò fu data prova dalle Discovery con motore V8 che presero parte al primo Land Rover G4 Challenge, nel 2003, aiutate nell’impresa da alcune INTERNI MOLTO PARTICOLARI Fin dall’inizio, Land Rover era determinata a dare alla Discovery una sua forte identità, ben distinta da quella della Range Rover, con cui condivideva le fondamenta. Fu per questo che venne chiamata in azione la società Conran Group, capitanata dal guru del design inglese Sir Terence Conran, a cui venne chiesto di progettare degli interni che non avessero eguali. La richiesta fu più che soddisfatta, con idee nuove come una borsa rimovibile a sostituzione del cestino portaoggetti centrale (altre idee, come il contenitore per occhiali da sole non arrivarono mai alla produzione). L’abitacolo, nel forte colore Sonar Blue, potrebbe sembrare troppo acceso per i gusti contemporanei, ma all’epoca era perfetto, e vinse un British Design Award. La Discovery venne lanciata come veicolo a 3 porte (la versione a 5 porte seguì più tardi) per differenziarla ulteriormente dalla sua compagna di scuderia di fascia superiore. Aveva elementi grafici laterali d’effetto e cerchi basici in lamiera d’acciaio che non sarebbero stati certo adatti a una Range Rover, e che più tardi sarebbero stati sostituiti da cerchi in lega. FOTOGRAFIA: POPPERTOTO/GETTY IMAGES (1) 52

RIGHT XXXXXX 1990 | Lancio della versione a 5 porte | La 200TDi a 3 porte partecipa al Camel Trophy in Siberia | Viene costruita la Discovery “galleggiante”, per la Settimana di Cowes 1997 | Sulla Discovery 2 vengono introdotte le sospensioni pneumatiche autolivellanti 01 01 La prima Discovery (in alto), lanciata nel 1989 al Motor Show di Francoforte, venne seguita dalla versione successiva, la seconda Discovery (in basso), nell’autunno del 1998 02 La Discovery divenne presto una celebre auto da traino: qui mostra la sua abilità eccezionale rimorchiando un treno 03 Sir Ranulph Fiennes al volante di una Discovery durante la sua spedizione del 1991, alla ricerca della città perduta di Ubar 02 03 PHOTOGRAPHY: XXXXXXXXX XXXXXXX XXXXXXXXX 03 53

 

Land Rover

Rivista ONELIFE

 

La rivista Onelife di Land Rover presenta storie da tutto il mondo che celebrano la forza interiore e la spinta ad andare oltre i propri limiti

Ogni Land Rover è pensata per andare Above & Beyond e farti vivere la vita al massimo. Il prossimo numero di Onelife porta questa filosofia a casa tua grazie a storie uniche e a fotografie straordinarie. Preparati a scoprire nuovi punti di vista da tutto il mondo: dagli eco-innovatori in Cina ai test su strada in Grecia, fino all'architettura modernista in Germania

Archivio

Maggio 2019
Ottobre 2018
Aprile 2018
Novembre 2017
Aprile 2017
Ottobre 2016

Jaguar Land Rover Limited: Registered office: Abbey Road, Whitley, Coventry CV3 4LF. Registered in England No: 1672070

I dati forniti provengono da test ufficiali del produttore eseguiti nel rispetto delle normative UE. Il consumo di carburante effettivo di un veicolo può variare rispetto ai risultati di tali test e i dati qui indicati hanno solo finalità comparative.