Views
6 months ago

Land Rover Magazine N. 40

  • Text
  • Anni
  • Ogni
  • Vita
  • Essere
  • Sempre
  • Nuova
  • Mondo
  • Dubai
  • Defender
  • Rover
In questo numero Nuova Defender è messa alla prova da due giovani appassionati di avventura che si accingono a esplorare il Polo Sud. Inoltre, per celebrare il cinquantesimo anniversario di Range Rover, andremo alla scoperta di Dubai. Volgeremo poi lo sguardo verso nuovo orizzonti per incontrare i progettisti impegnati nello sviluppo di tecnologie in grado di cambiare il futuro di tutti noi.

MICROCHIP PER ESSERI

MICROCHIP PER ESSERI UMANI JOWAN ÖSTERLUND FONDATORE E CEO, BIOHAX D a bambino Jowan Österlund aveva la passione dei cyborg ed era affascinato dall'incontro tra tecnologia e biologia umana. Crescendo, ha perseguito una carriera nelle tecniche di body modification, come i piercing. Ma è solo dopo aver fondato l'azienda di microchip sottocutanei Biohax International che Österlund è diventato il volto di un settore tradizionalmente al centro di controversie e investimenti imponenti. Che stia gettando le basi per la creazione di un mondo in cui il genere umano sarà soppiantato da orde di cyborg? Il biochipping è un processo che prevede l'impianto permanente (solitamente nell'area tra indice e pollice) di un microchip inserito in un minuscolo cilindro di vetro o resina. Una volta in posizione, l'identificativo univoco associato al chip può essere programmato per eseguire varie funzioni, come accedere a dati medici personali, aprire porte blindate o persino effettuare pagamenti. Österlund sostiene che questa tecnologia aprirà le porte a un futuro all'insegna della praticità e della sicurezza della persona. "La prima volta che ho programmato il mio corpo con un dispositivo sottocutaneo ho realizzato il mio sogno di bambino", racconta. "Ho subito programmato il chip con un trigger che mi permettesse di chiamare mia moglie semplicemente appoggiando il cellulare sul braccio." L'integrazione di dispositivi tecnologici nel corpo umano non è certo una novità. I pacemaker elettronici usati per regolare la frequenza delle contrazioni cardiache esistono dagli anni '60, e anche i microchip per l'identificazione degli animali domestici sono in uso da molti anni. Oggi, però, l'impianto di tecnologia (o "biohacking") non è più considerato come una semplice necessità. È l'espressione di un nuovo modo di concepire la sacralità del corpo umano: in sostanza, alla gente piace l'idea di diventare una sorta di "superuomini". "Cerchiamo sempre di ottimizzare tutto ciò che ci circonda, ma questo genera stress oltre a richiedere risorse notevoli", spiega Österlund. "Con il biohacking si diventa parte di quell'ecosistema di cose ed è possibile assumerne pieno controllo, in tutti i sensi". Molti sono attirati dalla promessa di velocizzare e semplificare le attività di tutti i giorni. Biohax ha riscosso un successo straordinario nella nativa Svezia, dove l'intera rete ferroviaria nazionale è oggi abilitata all'uso di microchip sottocutanei e la catena di palestre Nordic Wellness permette ai membri di usare i microchip per aprire tornelli e armadietti. Sono circa 6.000 le persone nel mondo che hanno deciso di farsi impiantare un chip Biohax. Potrebbe essere l'inizio di una rivoluzione. "Il successo [del biohacking] arriverà quando le persone impareranno a riconoscerne i potenziali vantaggi", prosegue Österlund. "Pensa se non dovessi mai più preoccuparti di perdere le chiavi o la carta di credito!" La tecnologia continua però a suscitare polemiche, tra cui perplessità legate alla privacy o persino obiezioni di tipo religioso. Le argomentazioni a favore dei microchip stanno però guadagnando punti. "Presto, i microchip permetteranno a ospedali e paramedici di identificare i pazienti e reperire informazioni sulla storia clinica anche se questi sono privi di sensi", dice Österlund. "Questa tecnologia ha il potenziale di salvare vite umane". FOTO: JANNICK BOERLUM “LA PRIMA VOLTA CHE HO PROGRAMMATO IL MIO CORPO CON UN DISPOSITIVO SOTTOCUTANEO, HO REALIZZATO IL MIO SOGNO DI BAMBINO" 50

 

LAND ROVER MAGAZINE

 

Land Rover Magazine narra le storie provenienti da ogni angolo del mondo che esaltano la forza d'animo e l'esigenza di spingersi oltre qualsiasi confine, Above and Beyond.

In questo numero Nuova Defender è messa alla prova da due giovani appassionati di avventura che si accingono a esplorare il Polo Sud. Inoltre, per celebrare il cinquantesimo anniversario di Range Rover, andremo alla scoperta di Dubai. Volgeremo poi lo sguardo verso nuovo orizzonti per incontrare i progettisti impegnati nello sviluppo di tecnologie in grado di cambiare il futuro di tutti noi.

Jaguar Land Rover Limited: Registered office: Abbey Road, Whitley, Coventry CV3 4LF. Registered in England No: 1672070