Views
5 months ago

Maggio 2019

  • Text
  • Stata
  • Ogni
  • Anni
  • Essere
  • Shenzhen
  • Dice
  • Evoque
  • Nuova
  • Mondo
  • Rover
Range Rover Sport PHEV presenta Shenzhen | La prima volta con Nuova Range Rover Evoque | Architettura modernista in Germania | L’opinione di George Bamford su cosa sia il vero lusso | Incontro con l’astronauta Charlie Duke | La subcultura del carnevale in Brasile

“IL LUSSO NON DIPENDE

“IL LUSSO NON DIPENDE DAL PREZZO, MA DAL LIVELLO DI PERSONALIZZAZIONE E DI CURA PARTICOLARE DELL’OGGETTO. SONO DUE COSE CHE VANNO A BRACCETTO”

ARTIGIANATO A sinistra: George Bamford con alcune sue creazioni, e con il suo pick-up Land Rover 110, amorevolmente restaurato, nella sua tenuta delle Cotswolds Dire che George Bamford ama le Land Rover sarebbe un understatement: nei garage della sua tenuta, nelle Cotswolds inglesi, ne ha ben 14, fra cui un Defender, vari modelli ex-militari Wolf, una sofisticata creazione off-road che ha soprannominato “The Beast”, e un pick-up restaurato di recente, un 110 del 1972. Dunque non c’è da stupirsi se siamo andati a parlare della sua attività specializzata in orologi altamente personalizzati sul suo percorso fuori strada personale bagnato di pioggia, anziché incontrarlo nell’elegante quartiere di Mayfair a Londra, dove ha sede “The Hive”, il quartier generale di Bamford Watch Department. L’epicentro della società lanciata da Bamford 16 anni fa, dopo aver deciso di non lavorare presso l’azienda di famiglia (la JCB, ovvero l’azienda produttrice dei celebri escavatori gialli, nonché una delle società di maggiore successo della Gran Bretagna) è un luogo dove i clienti creano il loro orologio personalizzato fino ai minimi dettagli, scegliendone il colore, le lancette e le opzioni per il quadrante. Bamford adora questi dettagli, e la sua ossessione per gli orologi risale all’infanzia. “Vengo da una famiglia di ingegneri”, dice mentre scendiamo da una discesa inclinata a bordo del pick-up. “Ce l’ho nel sangue. Quando ero piccolo amavo smantellare completamente la TV o la centrifuga, con grave disappunto dei miei genitori”, dice sorridendo. “A 16 anni mi regalarono un Navitimer Breitling e smontai pure quello, facendoli infuriare”. Ma il Navitimer gli fece capire cosa amasse davvero nella vita, e George trascorse gli anni successivi, mentre studiava fotografia alla Parsons School of Design di New York, visitando mercatini delle pulci per comprare vecchi orologi, che smontava e rimontava per capirne il funzionamento. Ma se il funzionamento interno lo affascinava, il design di molti altri pezzi lo lasciava indifferente. “Ho realizzato che molti orologi di lusso si assomigliavano: avevano lo stesso quadrante e la stessa cassa in acciaio”, dice. “Così, nel 2003, decisi di personalizzare un Tag Heuer Monaco che mi era stato regalato. Feci verniciare di nero l’intero pezzo: il quadrante, la cassa, tutto. Fu quello il mio primo orologio custom-made”. Dopo aver iniziato a indossare il Monaco nero, gli amici iniziarono a notarlo e a volerne uno simile, e Bamford decise di accontentarli. Fu così che nacque la Bamford Watch Department. I primi progetti BWD riguardavano soprattutto dei Rolex ampiamente modificati, in particolare il Cosmograph Daytona, completamente nero. Ma la Rolex guardò di malocchio le interpretazioni di Bamford dei suoi modelli più classici. E addirittura l’interpretazione unica che Bamford amava dare ai celebri orologi (riverniciandoli di nero, aggiungendo lancette e quadranti colorati) ne comportava l’annullamento della garanzia, un problema serio quando diventava necessaria la riparazione post-vendita. Ciononostante l’attività continuò a crescere, e Bamford creò perfino un suo dipartimento di assistenza all’ultimo piano di The Hive. BWD diventò così il più importante customiser di Rolex al mondo. Tutto, però, cambiò nel 2016, quando la multinazionale di prodotti di lusso LVMH decise di appoggiare pienamente BWD. “L’accordo ci ha avvantaggiati molto”, dice mentre guida la Land Rover a un’inclinazione praticamente impossibile. “Quell’approvazione è stata la cosa migliore che potesse capitarci, perché ora possiamo offrire la garanzia del produttore con i nostri prodotti”. Dopo aver abbandonato Rolex, BWD si è focalizzata sui tre brand di orologi premium di LVMH: Tag Heuer, Zenith e Bulgari. L’enorme gamma di personalizzazioni voluta da Bamford è diventata così finalmente lecita, e questo ha permesso ai suoi clienti di poter scegliere fra oltre un miliardo di opzioni diverse. BWD ha iniziato inoltre a produrre la sua stessa gamma di orologi: il Bamford London Mayfair e il GMT Auto, che permettono di apprezzare il marchio ad un prezzo più abbordabile. “Il modello Mayfair prevede 49 colori diversi”, dice con entusiasmo. “E possiamo modificarlo ulteriormente con un piccolo costo aggiuntivo. Il lusso non dipende dal prezzo, ma dal livello di personalizzazione e di cura particolare dell’oggetto. Sono due cose che vanno a braccetto. Come per le auto che scelgo, mi piace vedere l’individualità. I puristi potrebbero non approvare, ma io la amo. E voglio che le persone abbiano quello che vogliono”. È certamente una filosofia che sta dando i suoi frutti. Con boutique e rivenditori in tutto il mondo e un mercato in crescita in Asia e negli Stati Uniti, Bamford ha creato un mini impero che va di pari passo con la dinastia di famiglia. E all’offerta si sono aggiunti da poco dei prodotti per la cura della persona e degli accessori. Allora, cosa c’è in previsione per il brand Bamford? Delle auto personalizzate? Jet privati su misura? Bamford sorride beffardo mentre guida la Land Rover sul suo vialetto di ghiaia. “Beh, a breve uscirà un nostro nuovo orologio, appena prima dell’estate, e abbiamo in programma delle nuove collaborazioni, a parte quelle già in atto con LVHM”, dice. “Ma se me lo aveste chiesto dieci anni fa, non credo che avrei potuto immaginare tutto questo. Non facevo che chiedermi se il successo sarebbe finito dall’oggi al domani. Mentre ora, visti i brand che hanno accettato di collaborare con noi, mi sento davvero sereno e penso di fare quello per cui sono nato”. Si potrebbe dire la stessa cosa anche della sua Land Rover, completamente coperta di fango. Visita bamfordwatchdepartment.com per maggiori informazioni su BWD 61

 

Land Rover

Rivista ONELIFE

 

La rivista Onelife di Land Rover presenta storie da tutto il mondo che celebrano la forza interiore e la spinta ad andare oltre i propri limiti

Ogni Land Rover è pensata per andare Above & Beyond e farti vivere la vita al massimo. Il prossimo numero di Onelife porta questa filosofia a casa tua grazie a storie uniche e a fotografie straordinarie. Preparati a scoprire nuovi punti di vista da tutto il mondo: dagli eco-innovatori in Cina ai test su strada in Grecia, fino all'architettura modernista in Germania

Archivio

Maggio 2019
Ottobre 2018
Aprile 2018
Novembre 2017
Aprile 2017
Ottobre 2016

Jaguar Land Rover Limited: Registered office: Abbey Road, Whitley, Coventry CV3 4LF. Registered in England No: 1672070

I dati forniti provengono da test ufficiali del produttore eseguiti nel rispetto delle normative UE. Il consumo di carburante effettivo di un veicolo può variare rispetto ai risultati di tali test e i dati qui indicati hanno solo finalità comparative.