Views
3 years ago

Ottobre 2016

  • Text
  • Rover
  • Dice
  • Nuova
  • Essere
  • Anni
  • Sempre
  • Mondo
  • Talento
  • Progetto
  • Ainslie
Scopriamo Nuova Discovery | Ben Ainslie: ritratto di una leggenda della vela | Uno sguardo al futuro della mobilità e dei trasporti | Copenaghen, la città più bella del mondo?

ELEMENTO 03 LA QUEEN

ELEMENTO 03 LA QUEEN MARY “Sono stati i nostri ingegneri specializzati che hanno inventato questa soluzione”, dice Alex Heslop, Chief Engineer per la nuovissima Discovery. “Dimostra cosa è possibile fare quando si affronta un problema d’ingegneria senza nessun preconcetto a proposito di quale potrebbe essere la soluzione, o su come si è affrontato in passato. Sono riusciti a migliorare sensibilmente la performance dell’auto in un’area critica e a risparmiare peso utilizzando qualcosa che era già presente. È un’idea fantastica”. Chiama “il labirinto” e la “tana del coniglio” le parti fondamentali del nuovo sistema di aspirazione dell’aria che permette alla Discovery di vantare una profondità di guado nell’acqua fino a 900 mm, ovvero ben 200 mm più di prima. È senza dubbio il record del settore. Per farlo, la nuova vettura non “respira” attraverso la griglia, ma aspira l’aria attraverso quello che è stato scherzosamente battezzato “imbuto Queen Mary” (dal nome del celebre transatlantico), ovvero il dislivello di 6 mm dove il cofano incontra i parafanghi anteriori, vale a dire l’apertura più elevata dell’auto. Quel cofano a conchiglia è da tempo un segno distintivo del design della Discovery, e ha anche una funzione pratica. Dopo che l’aria è stata aspirata nel gap, viene risucchiata nel piccolo spazio esistente fra la superficie esterna e quella interna del cofano. Il percorso complesso che segue, il “labirinto”, ne rallenta il flusso, forzandola a rilasciare eventuale umidità. L’aria prosegue poi nel cofano e scende dritta verso “la tana del coniglio”, ovvero nel vano motore, passando attraverso un altro filtro dell’acqua, prima di poter arrivare al motore stesso. “Ovviamente abbiamo pensato: e se qualcosa bloccasse quella fessura?”, dice Alex. Le ostruzioni di neve presentavano il rischio maggiore. Ma il sistema venne testato nella galleria del vento, e poi nell’Artico, guidando per centinaia di miglia direttamente dietro a un grosso camion, sulla neve fresca. Il nuovo sistema superò il test con facilità. “Il nuovo design è talmente funzionale che la vettura riuscirebbe a procedere anche a una profondità superiore ai 900 mm”, dice Alex. “Ma quando si attraversa un fossato di quella profondità, l’estremità posteriore comincia a galleggiare. Si potrebbero aprire le portiere posteriori per fare entrare dell’acqua e permettere alle ruote posteriori di ritrovare la trazione sul fondale. Ed è qualcosa che abbiamo effettivamente testato... Ma non consigliamo ai nostri clienti di farlo, poiché danneggerebbe i tappetini! Una profondità di 900mm sarà più che sufficiente per tutti”. 44

45

 

LAND ROVER MAGAZINE

 

Land Rover Magazine narra le storie provenienti da ogni angolo del mondo che esaltano la forza d'animo e l'esigenza di spingersi oltre qualsiasi confine, Above and Beyond.

In questo numero Nuova Defender è messa alla prova da due giovani appassionati di avventura che si accingono a esplorare il Polo Sud. Inoltre, per celebrare il cinquantesimo anniversario di Range Rover, andremo alla scoperta di Dubai. Volgeremo poi lo sguardo verso nuovo orizzonti per incontrare i progettisti impegnati nello sviluppo di tecnologie in grado di cambiare il futuro di tutti noi.

Jaguar Land Rover Limited: Registered office: Abbey Road, Whitley, Coventry CV3 4LF. Registered in England No: 1672070